Il letargo

Home/Il letargo
Il letargo 2017-04-18T11:45:05+00:00

Se viviamo in zone mediterranee o litorali, sarà un letargo assolutamente naturale e senza rischi, si sveglierà da sola a primavera. Se viviamo in zone montane, con inverni rigidi e sbalzi di temperatura, potremo aiutarla preparandole uno scatolone pieno di fieno e foglie secche e ospitandola in un ambiente come ad esempio una cantina asciutta con una temperatura costante fre i 5 e i 10 gradi sara’ solo necessario mensilmente un bagno reidratante in acqua tiepida.

Nel periodo intermedio primaverile e autunnale con sbalzi di temperatura, con giornate ancora tiepide e nottate gelide sottozero, solleciteremo la nostra tartaruga a nutrirsi ulteriormente ritirandola la notte, offrendole così ancora le poche ore calde del giorno, senza il rischio delle gelate notturne. Molti esemplari non sopravvivono al letargo, perchè si ibernano senza aver acquisito le sufficienti scorte di grasso corporeo durante l’estate, uccisi dai parassiti o dalle pericolosissime gelate primaverili, alternate a giornate calde.

Aveste una tartaruga che si presenta leggera, malata o stressata, non dovrà ibernarsi, andrà ospitata in teca, a 22/25 gradi e nutrita come in estate. Al risveglio delle tartarughe ibernate sarà opportuno aver loro conservato nel congelatore la miglior frutta e verdura dell’estate passata, gli ottimi impasti arricchiti per sopperire con tempestività, a probabili cali di peso e disidratazione. Pesate la tartaruga prima del letargo e una volta al mese senza svegliarla, portando la bilancia in cantina e non l’esemplare in casa al caldo, controllate che non ci siano cali considerevoli. Se le scorte alimentari e l’habitat invernale saranno adeguati, dormirà placidamente fino a primavera.

Le tartarughe sono animali meravigliosi, miti e longevi, con cure e amore vi accompagneranno per tutta la vita ….. con gioia !

Il Progetto Tartafelice onlus è una magnifica iniziativa per proteggere ed accogliere tartarughe terrestri in difficoltà. Ospitate in un’area attrezzata, difendiamo la specie, combattiamo maltrattamenti, cattura e bracconaggio e offriamo loro cura e amore.

Sostienici con il tuo 5 per mille sul cod. fiscale: 90056920029 , con un’adozione a distanza, con un affidamento o con un’offerta sul conto corrente : IT71W 0503431030000000010440

…… Grazie di cuore

Il Presidente

Annalisa Faudella


La nostra preziosa veterinaria

Valentina Bruson – specializzata in animali esotici

Ambulatorio – Via Matteotti,12 – Quarona (VC) oppure a domicilio

mail:  utvales@hotmail.com

cell:  338.1483335

Iscriviti alla nostra newsletter


Ai sensi del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n.196 - Codice in materia di protezione dei dati personali - ogni attenzione è posta per tutelare la privacy dei visitatori. I dati raccolti da questo modulo di contatto in questo sito web non verranno usati al di fuori dello scambio di informazioni tra questo sito web ed il proprietario dell'indirizzo email. L'utente ha il diritto di richiedere in qualsiasi momento la correzione, l'integrazione o la cancellazione dei suoi dati.